01 mag 2011

MOSTAR: RAGAZZO MUSULMANO PICCHIATO PERCHE' NON SAPEVA PRONUNCIARE "O PADRE NOSTRO"


Ragazzo picchiato dai teppisti a Mostar per non sapere Preghiera del Signore
Dnevni List, pg 17 - Le note di carta che i giovani delinquenti sono di nuovo attivi a Mostar, evidenziando l'ultimo incidente che è accaduto il Lunedi, quando 15 anni Izedin Gagula da Čapljina è stato aggredito da due giovani come lui era a piedi dalla stazione degli autobus verso la sua scuola.
"Mi hanno chiesto di dire loro il mio nome. Ho detto il mio nome era Stjepan. Poi mi hanno chiesto di dire la Preghiera del Signore. Io non l'ho fatto, così iniziarono a pugni me e sono caduto a terra, dove mi hanno preso a calci in testa diverse volte. Ho gridato aiuto, ma nessuno mi guardava, la gente ha appena compiuto la testa dall'altra parte ", ha detto Gagula.
"Stiamo facendo tutto il possibile per trovare i colpevoli, ma il problema è che non ci sono stati testimoni oculari. Inoltre le informazioni fornite dal ragazzo non sono sufficientemente concrete ", ha detto il comandante della stazione di polizia di Centar Hasan Lerić .
Preso  da  qui

E questo sarebbe la tolleranza  nata nel 16 secolo in Ollanda? Voglio vedere se i mass media Occidentali riporteranno questa notizia e definiranno per caso i tepisti fondamentalisti cristiani? Oriana Falacci li definirebbe i nazi-fascisti Cristiani?  Si accettano le scommesse.

1 commento:

Anonimo ha detto...

E l'Olanda cosa c'entra, scusa?

Saluti
JZ